Approvato definitivamente dal Senato il Decreto-Legge “Milleproroghe”

551
Senato - Approvazione DL Milleproroghe

Con 222 voti favorevoli, 23 contrari e 7 astensioni il Senato ha rinnovato la fiducia al Governo approvando, in via definitiva, il ddl n. 2101, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge n. 183/2020, recante disposizioni urgenti in materia di proroga termini legislativi e ulteriori disposizioni (cosiddetto Milleproroghe). Il provvedimento contiene una serie di proroghe concernenti il mondo agricolo che si sintetizzano di seguito:

  • il comma 4 proroga al 31 dicembre 2021 (dal precedente 31 dicembre 2020) la previsione in base alla quale le disposizioni del codice antimafia relative all’obbligo di presentare la documentazione antimafia e di acquisire l’informazione antimafia da parte delle amministrazioni pubbliche non si applichino limitatamente ai terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei per importi non superiori a 25.000 euro. Viene quindi prorogato al 31 dicembre 2021 il termine che fissa a 25.000 euro la soglia oltre la quale e’ necessaria la presentazione della documentazione antimafia per accedere a tali fondi: dopo tale termine, sarà quindi obbligatoria la presentazione di tale documentazione per i titolari di terreni agricoli che accedono a fondi europei per importi superiori a 5.000 euro.
  • Il comma 6 sospende il pagamento della rata relativa ai contributi di novembre e dicembre 2020, in scadenza il 16 gennaio 2021, in favore dei beneficiari degli esoneri contributivi disposti in agricoltura. In particolare, la sospensione del pagamento della rata riguarda gli imprenditori agricoli professionali, i coltivatori diretti, i mezzadri e i coloni, beneficiari dell’esonero previsto dagli articoli 16 e 16-bis del decreto-legge n. 137 del 2020 e si protrae fino alla comunicazione, da parte dell’ente previdenziale, degli importi contributivi dovuti, ma comunque non oltre il 16 febbraio 2021.
  • Il comma 6-bis – introdotto dalla Camera – prevede che anche gli attestati di funzionalità delle macchine agricole e gli attestati per la vendita e l’acquisto dei prodotti fitosanitari, in scadenza nel 2021 o in corso di rinnovo, siano prorogati di dodici mesi e comunque almeno fino al novantesimo giorno successivo alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza.
  • L’articolo 12, al comma 9-ter, inserito dalla Camera, dispone l’ulteriore proroga, dal 2020 al 2021, degli incentivi previsti dalla legge n. 145 del 2018 (legge di bilancio 2019) per gli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas, con potenza non superiore a 300 kw, facenti parte del ciclo produttivo di una impresa agricola, di allevamento, realizzati da imprenditori agricoli anche in forma consortile e la cui alimentazione deriva per almeno l’80% da reflui e materie derivanti dalle aziende agricole realizzatrici e per il restante 20% da loro colture di secondo raccolto.
  • L’articolo 14, al comma 1, proroga dal 31 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 l’applicazione della lettera b) del comma 2 dell’articolo 72 del decreto-legge n. 18 del 2020. tale norma consente al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e all’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (ICE) di avvalersi, mediante apposita convenzione, dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimento e lo sviluppo di imprs SpA (Invitalia) per gli interventi di supporto all’internazionalizzazione delle imprese nell’attuale crisi pandemica e per gli interventi inclusi nel piano straordinario per la promozione del made in italy.
  • I commi 1-bis e 1-ter dell’articolo 17, introdotti dalla Camera, prorogano dal 31 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 la possibilita’ di utilizzare i finanziamenti agevolati in favore di imprese agricole ed agroindustriali colpite dal sisma del 2012 nelle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, nel rispetto delle norme previste in materia di aiuti di stato.