Confermata proroga al 2024 dei controlli alle frontiere nel Regno Unito sui prodotti importati dalla UE

Brexit

1430
Brexit - Confermata proroga al 2024 dei controlli alle frontiere nel Regno Unito sui prodotti importati dalla UE

Il Governo britannico ha deciso un ulteriore rinvio (quinto rinvio) dei controlli post-Brexit sui prodotti alimentari provenienti dalla UE, per dare alle imprese “ulteriore tempo per prepararsi” ai cambiamenti.

I nuovi controlli su alcuni alimenti e prodotti di origine animale provenienti dall’UE inizieranno a partire dalla fine di gennaio 2024, anziché il 31 ottobre 2023 come precedentemente previsto, con ulteriori controlli introdotti in due fasi nel corso del 2024.

Le tre tappe principali per l’introduzione del “Border Target Operating Model” sono:

  • 31 gennaio 2024 – Introduzione dei certificati sanitari di esportazione e dei certificati fitosanitari per i prodotti animali e vegetali a medio rischio e per i prodotti vegetali importati in Gran Bretagna dalla UE;
  • 30 aprile 2024 – Introduzione di controlli d’identità e fisici, documentali e basati sul rischio, su prodotti animali, le piante, i prodotti vegetali e gli alimenti e i mangimi ad alto rischio di origine non animale provenienti dall’UE. Le ispezioni esistenti su piante/prodotti vegetali ad alto rischio provenienti dall’UE si sposteranno dalla destinazione ai Posti di Controllo Frontaliero. Il Regno Unito inizierà anche a semplificare le importazioni dai Paesi terzi: questo include l’eliminazione della certificazione sanitaria e dei controlli di routine su prodotti animali, piante e prodotti vegetali a basso rischio provenienti da Paesi non UE, nonché la riduzione dei livelli dei controlli fisici e di identità sui prodotti di origine animale a medio rischio provenienti da Paesi non UE.
  • 31 ottobre 2024 – Il requisito delle dichiarazioni di sicurezza per le importazioni in Gran Bretagna dall’UE entrerà in vigore a partire dal 31 ottobre 2024, come stabilito nel Modello Operativo Target originale.

Su richiesta per gli associati il testo con la versione finale del 29 agosto 2023 del “Border Target Operating Model”.