Consiglio dei Ministri Agricoli della UE. Conclusioni sul benessere degli animali

57
Consiglio dei Ministri

Il Consiglio dei Ministri Agricoli della UE, nella seduta odierna, ha adottato le sue “Conclusioni in materia di benessere degli animali”.

Nelle sue conclusioni il Consiglio invita la Commissione a sviluppare una nuova strategia dell’UE per la protezione ed il benessere degli animali sulla base degli insegnamenti tratti dalla strategia per il 2012-2015.

Il Consiglio incoraggia, inoltre, la Commissione e gli Stati membri ad avviare attività di comunicazione e istruzione sul ruolo essenziale del benessere degli animali nella promozione della salute degli animali, della sicurezza alimentare e di un settore agroalimentare sostenibile.

Le conclusioni evidenziano l’importanza del benessere degli animali come parte integrante della produzione animale sostenibile. Riconoscono la necessità di aggiornare ulteriormente la legislazione attuale, in particolare in settori quali il trasporto di animali su lunghe distanze, il benessere dei bovini per oltre 6 mesi, la macellazione degli animali al fine di adattarli alle più recenti conoscenze scientifiche.

In particolare, si evidenziano i seguenti punti delle conclusioni del Consiglio, il cui testo integrale viene riportato in allegato alla presente:

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA:

(10) APPREZZA le attività della piattaforma UE sul benessere degli animali e SOSTIENE la sua continuazione come un valido forum in cui promuovere il dialogo tra le parti interessate. INCORAGGIA la Commissione a valutare il lavoro della piattaforma e a svilupparla ulteriormente, soprattutto in termini di un migliore coinvolgimento di tutti gli Stati membri.

(11) INCORAGGIA la Commissione a fornire risorse sufficienti ai centri di riferimento dell’UE per il benessere degli animali e ad aprire un appello per ulteriori centri che coprano, ad esempio, ruminanti ed equidi, comprese le loro operazioni di trasporto e abbattimento.

(12) INVITA la Commissione a valutare la necessità e l’impatto di un quadro normativo dell’UE con criteri per i sistemi di etichettatura sul benessere degli animali che tengano conto dell’esperienza nazionale.

(13) INCORAGGIA gli Stati membri a fare un uso efficiente ed efficace delle risorse finanziarie della politica agricola comune per migliorare realmente il benessere degli animali.

(14) RICONOSCE l’importanza di promuovere il benessere degli animali a livello globale nonché la concorrenza che gli agricoltori dell’UE si trovano ad affrontare nel commercio globale e, di conseguenza, SOTTOLINEA l’importanza di includere il benessere degli animali negli accordi di libero scambio per quanto possibile e VEDE tali accordi uno dei modi in cui promuovere il benessere degli animali a livello globale.