Emergenza coronavirus – Piano di azione UE a sostegno delle aziende

33
Commissione Europea

La Commissione europea ha inviato agli Stati membri un progetto di proposta per misure sostegno temporaneo alle aziende della UE (sottoforma di aiuti di Stato) nel contesto dell’epidemia di COVID-19 che potrebbero arrivare fino a 500 mila Euro ad azienda.

Uno dei presupposti cardine per la concessione degli aiuti e che le aziende siano entrate in difficoltà dopo il 31 dicembre 2019 e quindi la loro situazione è ammissibile agli aiuti in considerazione dell’epidemia da coronavirus.

Il piano previsto dall’Esecutivo comunitario si basa su quattro tipologie di aiuti:

  • sovvenzioni dirette e agevolazioni fiscali selettive;
  • garanzie statali per i prestiti bancari contratti dalle imprese;
  • prestiti pubblici agevolati alle imprese;
  • garanzie per le banche che erogano forme di sostegno all’economia reale. Se gli Stati membri intendono incanalare gli aiuti all’economia reale attraverso le banche, si tratterà di aiuti diretti ai clienti delle banche e non alle banche stesse.

Auspichiamo che l’Europa possa porre in atto una vera politica economica in favore delle aziende colpite dall’emergenza coronavirus e che la politica italiana sfrutti appieno tutte le possibilità messe in campo.