Pubblicato rapporto UE sulla sorveglianza delle encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) nel 2022

1367
Pubblicato rapporto UE sulla sorveglianza delle encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) nel 2022

L’EFSA ha pubblicato in questi giorni una relazione che presenta i risultati della sorveglianza sulle encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) nei bovini, ovini, caprini, cervidi e altre specie, e della geno tipizzazione negli ovini e caprini, effettuata nel 2022 da 27 Stati membri, dal Regno Unito (per quanto riguarda l’Irlanda del Nord) e altri otto Paesi non UE, ovvero Bosnia-Erzegovina, Islanda, Montenegro, Macedonia del Nord, Norvegia, Serbia, Svizzera e Turchia. L’Albania e il Kosovo hanno confermato che nel 2022 non è stata condotta alcuna sorveglianza sulle TSE.

I dati di sorveglianza sono stati presentati tramite lo strumento di comunicazione dei dati TSE dell’EFSA. I dati trasmessi elettronicamente sono stati estratti dalla banca dati dell’EFSA e ulteriormente elaborati, convalidati ed estratti per redigere le tabelle di sintesi presentate nella relazione.

La situazione della BSE nel 2022 è rimasta simile a quella degli anni precedenti in termini di animali testati e numero di casi.

La situazione nei bovini

In totale, nel 2022 nell’UE-27 e nell’Irlanda del Nord sono stati testati 977.008 bovini, con una riduzione del 4,3% rispetto all’anno precedente e con un caso di H-BSE in Francia. Si trattava di un caso di H-BSE in un bovino da carne di 154 mesi segnalato come capo morto (FS). Nessun altro caso di BSE è stato segnalato a livello mondiale nel 2022.

L’84% di tutti i bovini testati rientrava nel gruppo di animali a rischio [animali macellati d’emergenza (ES), animali con segni clinici all’ispezione ante-morte (AM) e capi morti (FS)]. In particolare il gruppo FS contava 752.310 bovini testati nel 2022 (il 91,7% di tutti i bovini nel gruppo a rischio).

Altri 52.395 bovini sono stati testati dagli otto paesi non UE. La Serbia (il principale contributore con 16.913 bovini testati) e la Turchia (con 8.108) hanno segnalato principalmente bovini provenienti dal gruppo target macellato sano (HS), mentre la Svizzera (con 10.074) ha segnalato principalmente bovini provenienti da animali del gruppo a rischio.

La situazione negli ovicaprini

In totale, nel 2022 nell’UE-27 e Irlanda del Nord sono stati testati 404.219 piccoli ruminanti: 295.145 pecore (con una diminuzione del 5,2% rispetto al 2021) e 109.074 capre (con una diminuzione del 7,9%). Inoltre, 25.535 pecore sono state testate da cinque degli otto altri paesi dichiaranti non UE, ovvero Islanda, Macedonia del Nord, Norvegia, Serbia e Turchia, e 633 capre sono state testate da Islanda, Norvegia, Serbia e Turchia.

Per quanto riguarda gli ovini, nel 2022 sono stati segnalati 557 casi di scrapie nell’UE- 27 e Irlanda del Nord, sei casi in più rispetto al 2021. Di questi, 480 erano casi di scrapie classica (86,2%) mentre 77 erano di scrapie atipica (13,8%). Tra gli altri cinque paesi segnalanti non UE che hanno testato le pecore, la Norvegia ha segnalato 16 casi di scrapie atipica. La scrapie classica è stata segnalata solo da cinque Stati membri, ovvero Cipro, Grecia, Italia, Romania e Spagna. Casi di scrapie atipica sono stati segnalati da 14 paesi dichiaranti dell’UE (Austria, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Svezia) e dall’Irlanda del Nord. Tra i paesi dichiaranti non UE, solo la Norvegia ha segnalato episodi di scrapie atipica.

La maggior parte dei casi relativi agli ovini nell’UE-27 e in Irlanda del Nord (92,3%) sono stati segnalati da cinque paesi: Grecia, Italia, Romania e Spagna per quanto riguarda la scrapie classica e Portogallo per quella atipica, come avvenuto negli anni precedenti.

Il Report integrale è consultabile al seguente link.