Relazione al Piano nazionale integrato controlli ufficiali 2019 per alimenti, mangimi, benessere e sanità animale

246
Relazione al Piano nazionale integrato controlli ufficiali 2019

Il Ministero della Salute ha predisposto la Relazione annuale 2019 al Piano Nazionale Intgrato dei controlli ufficiali, previsti dal Regolamento 882/2004, nei settori degli alimenti, dei mangimi, del benessere animale e della sanità animale. Di seguito si riportano i dati principali per il comparto degli alimenti:

  • Nel corso dell’anno 2019 sono state effettuate 110.417 ispezioni su 1.246.134 attività produttive riscontrando 40.839 non conformità; sono state inoltre elevate 9.177 sanzioni , 569 notizie di reato ed effettuati 1.601 sequestri. Sono stati poi eseguiti 10.145 audit riscontrando 3.265 esiti non conformi.
  • Sono stati prelevati  45.550 campioni di prodotti alimentari e bevande, su cui sono state effettuate 126.590 determinazioni analitiche. Di questi, la maggior parte (44.869 campioni) sono stati prelevati in base ad una specifica programmazione, mentre 681 campioni sono stati prelevati su sospetto, riscontrando un totale di 929 esiti  non conformi.
  • Tra le tante altre attività di controllo previste da specifiche normative di settore, si evidenzia che, in attuazione del Piano Nazionale per la ricerca dei Residui negli animali e nei prodotti di origine animale (PNR), nel 2019 sono stati prelevati 35.400 campioni, per un totale di 344.686 determinazioni analitiche. Nel 2019 i campioni risultati irregolari sono stati complessivamente 87, nell’ambito del piano mirato (0,1% non conformità), extrapiano (0,2 % non conformità) e su sospetto (4,1% non conformità).
  • Nell’anno 2019, i 37 Nuclei Antisofisticazioni e Sanità, coordinati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, hanno eseguito 53.792 controlli, di cui 31.938 nel comparto della sicurezza alimentare. Le verifiche svolte hanno consentito di individuare non conformità presso 11.695 degli obiettivi oggetto di controllo. Le attività di indagine hanno consentito di acclarare anche gravi episodi di criminalità che hanno determinato l’arresto di 43 persone. Sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria 1.780 titolari di esercizi o aziende della filiera alimentare e segnalate 11.794 persone all’Autorità Amministrativa per violazione delle norme afferenti l’autocontrollo alimentare, l’etichettatura e la tracciabilità dell’origine dei prodotti.
  • Sempre nel 2019 i 49.017 controlli effettuati sugli alimenti dal MIPAAF-ICQRF hanno riguardato circa 25.000 operatori e oltre 46.000 prodotti, con irregolarità rilevate presso il 17,8% degli operatori e sul 12,1% dei prodotti. La percentuale di campioni risultati irregolari all’analisi è stata pari all’8,2%. Il contrasto ai comportamenti criminosi nel settore alimentare si è estrinsecato  con 374 notizie di reato, 3.981 contestazioni amministrative e 1.990 diffide. Sono stati eseguiti  524 sequestri, per un valore di circa 300 milioni di euro.

Il controllo alle frontiere svolto dagli Uffici periferici del Ministero della Salute (PIF e USMAF), in coordinamento con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha comportato i seguenti controlli:

  • le partite di prodotti di origine animale destinate al consumo umano presentate per l’importazione attraverso i  Posti di ispezione frontaliera (PIF) italiani nel 2019 sono state 40.233. Le partite soggette a controllo fisico sono state 19.694 di cui quelle campionate 1.571.  Nel 2019 sono state riscontrate 173 partite non conformi di cui 163 non ammesse al mercato UE e 10 richiamate in seguito a esami di laboratorio conoscitivi risultati sfavorevoli. Le 163 partite non ammesse all’importazione sono state riesportate (66), distrutte (93) o trasformate (4);
  • gli Uffici di Sanità Marittima Aerea di Frontiera (USMAF) hanno sottoposto a  controlli ufficiali 163.779 partite totali in importazione, che  hanno compreso  due terzi circa alimenti di origine non animale mentre il restante terzo ha incluso i materiali a contatto con gli alimenti (MOCA). Sul 100 % delle partite è stato eseguito il controllo documentale; gli alimenti di origine non animale controllati hanno riguardato 103.662 partite e  sono stati effettuati 3.276 campionamenti, di cui 242 hanno riguardato i respingimenti
  • l’Agenzia delle Dogane dei Monopoli, in qualità di autorità doganale alle frontiere sulle merci, in collaborazione con le altre autorità nazionali, ha continuato a svolgere efficacemente l’attività   di controllo e i risultati conseguiti evidenziano la sempre maggiore attenzione posta all’attività di vigilanza sui prodotti alimentari. Nelle materie di interesse del Piano nel 2019, si rileva un trend in lieve aumento delle non conformità riscontrate (2,7%) alle relative norme di settore dei prodotti importati, a fronte di un lieve aumento del numero dei singoli di importazione (1,5 %) di prodotti rientranti nella disciplina del Piano.

Su richiesta per gli associati la Relazione annuale al PNI 2019.