Strategia globale FAO-OIE per la lotta alla peste suina africana

133
FAO - Lotta peste suisa africana (ASF)

Questa settimana è stato lanciato un appello per un’azione globale contro la peste suina africana (ASF) sia dall’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) che dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

La carne suina è la più consumata al mondo e rappresenta il 35,6% del consumo globale di carne. Negli ultimi anni, la peste suina africana (ASF) – che può causare fino al 100% di mortalità nei suini – è diventata una grave crisi per l’industria della carne suina, causando enormi perdite nelle popolazioni suine e generando drastiche conseguenze economiche. Attualmente colpisce diversi paesi dell’Africa, dell’Asia e del Pacifico e dell’Europa, e senza un vaccino efficace, la malattia non solo ostacola la salute e il benessere degli animali, ma ha anche un impatto negativo sui mezzi di sussistenza degli allevatori.

“Oggi, 51 paesi sono colpiti dalla peste suina africana. In mezzo alla difficile situazione posta da COVID-19, ASF continua a diffondersi, intensificando le attuali crisi sanitarie e socioeconomiche”, ha detto il dottor Matthew Stone, Vice Direttore Generale dell’OIE per gli Standard Internazionali e la Scienza. Molti paesi colpiti da ASF non dispongono di risorse umane, finanziarie o tecniche sufficienti per individuare, rispondere e contenere rapidamente le malattie animali.

“In questo mondo globalizzato, dove le malattie possono diffondersi rapidamente oltre confine, sono necessarie la condivisione tempestiva delle ultime informazioni scientifiche, la collaborazione internazionale e la notifica dell’ASF per prevenire la diffusione transfrontaliera e minimizzare l’impatto”, ha detto il Direttore Generale Aggiunto della FAO, Maria Helena Semedo.

Basandosi sull’esperienza della collaborazione di lunga data tra l’OIE e la FAO per la gestione dei rischi legati alla salute degli animali, il quadro globale congiunto per il controllo progressivo delle malattie animali transfrontaliere (GF-TAD) ha sviluppato l’Iniziativa Globale con l’obiettivo di promuovere partnership nazionali, regionali e globali, per rafforzare le misure di controllo e minimizzare l’impatto di questa complessa e impegnativa malattia.

L’Iniziativa per il controllo globale di ASF mira a:

1. Migliorare la capacità dei Paesi di controllare (prevenire, rispondere, eradicare) la ASF utilizzando gli standard internazionali dell’OIE e le migliori pratiche basate sulle più recenti conoscenze scientifiche.

2. Stabilire un efficace quadro di coordinamento e cooperazione per il controllo globale di ASF.

3. Facilitare la continuità delle attività commerciali garantendo una produzione e un commercio sicuri per proteggere i sistemi alimentari.

Le azioni coordinate nell’ambito dell’Iniziativa Globale dovrebbero avere luogo parallelamente al mantenimento della trasparenza per quanto riguarda la segnalazione delle malattie animali e l’investimento in sistemi di salute animale forti e resistenti.

L’Iniziativa Globale si basa su precedenti sforzi regionali e segue le raccomandazioni degli esperti ASF di tutto il mondo. Essa mira a rafforzare la capacità dei servizi veterinari nazionali di gestire i rischi attraverso lo sviluppo e l’attuazione di programmi di controllo nazionali ASF, con i settori pubblico e privato che lavorano in partenariato. La comunicazione del rischio con le parti interessate sarà un elemento cruciale per affrontare efficacemente i percorsi di rischio e le pratiche ad alto rischio.

Su scala globale, la diffusione sostenuta di ASF rappresenta una minaccia per la sicurezza alimentare, lo sviluppo economico e rurale. La malattia rappresenta una barriera al settore agricolo per raggiungere il suo pieno potenziale, generare occupazione e alleviare la povertà, e agisce come disincentivo agli investimenti nel settore suino.

Il controllo globale di ASF contribuirà così a raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, in particolare gli Obiettivi 1 (Nessuna Povertà) e 2 (Fame Zero).