Uniceb chiede un incontro al Ministro della Transizione Ecologica

445
Uniceb e Ministro della Transizione Ecologica

L’ingegner Roberto Cingolani, nominato dal Governo Draghi alla guida del nuovo Dicastero della Transizione Ecologica ha aperto i lavori alla recente “Conferenza preparatoria della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile”. Nel proprio intervento ha incredibilmente criticato l’eccessivo consumo delle carni e criticato gli allevamenti intensivi con dichiarazioni del seguente tenore: «Sappiamo che chi mangia troppa carne subisce degli impatti sulla salute, allora si dovrebbe diminuire la quantità di proteine animali sostituendole con quelle vegetali. D’altro canto, la proteina animale richiede sei volte l’acqua della proteina vegetale, a parità di quantità, e allevamenti intensivi producono il 20% della CO2 emessa a livello globale».

Tali dichiarazioni, al netto dei numeri citati che si riferiscono ad un ambito mondiale che non rispecchia la situazione italiana, appaiono preconcette e basate su pregiudizi che non possono essere accettabili se proferite da un Ministro della Repubblica.

Uniceb ha ritenuto doveroso inviare una lettera al Ministro Cingolani  e per conoscenza al Ministro delle Politiche Agricole Patuanelli, per riportare la discussione su toni più corretti in termini di affermazioni e di enunciazione di dati. Rimarcando gli sforzi che la filiera delle carni ha intrapreso da tempo per migliorare i vari ambiti dei processi produttivi , dal benessere animale alla sostenibilità ambientale, ha ritenuto di dover chiedere al Ministro un tavolo di confronto fattivo e svincolato da posizioni di pregiudizio per  cogliere l’opportunità del Recovery Plan e continuare lungo il cammino di sviluppo e sostenibilità ambientale ed economico al tempo stesso.