Caso di influenza aviaria ad alta patogenicità nello Stato di Santa Catarina in Brasile

Per ora nessuna restrizione alle importazioni

217
Caso di influenza aviaria ad alta patogenicità nello Stato di Santa Catarina in Brasile

Il 12 luglio 2023 il Brasile ha segnalato un focolaio in un allevamento di pollame domestico nello Stato di Santa Catarina. È il primo focolaio in animali domestici in questo Stato.

Secondo il rapporto WOAH (ex OIE), “a seguito dell’elevato livello di consapevolezza stabilito nella regione, a causa della precedente conferma di casi di HPAI in uccelli costieri selvatici, i servizi veterinari ufficiali hanno ricevuto una notifica di uccelli domestici che mostravano segni clinici in un multi-specie gregge del cortile. Diciannove uccelli sono stati segnalati morti e c’erano altri uccelli che mostravano segni clinici. I campioni sono stati prelevati dagli uccelli che mostravano segni clinici e tutti i campioni sono risultati positivi per H5N1. I locali sono stati messi in quarantena e gli animali sono stati abbattuti, le carcasse e i prodotti sono stati distrutti ed è stata effettuata la disinfezione. I servizi veterinari ufficiali stanno conducendo un’indagine epidemiologica nella zona.”

La nostra Organizzazione europea UECBV ha preso contatti con i Servizi della Commissione per capire quali eventuali misure restrittive potessero essere messe in atto dalla Unione europea, considerando che già alcuni Paesi terzi come il Giappone hanno vietato le importazioni dallo Stato di Santa Catarina.

I Servizi della Commissione hanno segnalato “che stanno seguendo da vicino la situazione. Poiché si tratta di un’azienda agricola non commerciale, non sono necessarie ulteriori misure a livello dell’UE. La situazione ovviamente cambierà quando verranno rilevati casi negli allevamenti commerciali. In quest’ultimo caso, il Brasile dovrà essere regionalizzato per riprendere le esportazioni”.