La Commissione Europea appena insiediata lancia il Piano programmatico sul Green Deal

Commissione Europea entrata in carica il 1 ° dicembre 2019

47
Commissione Europea

La Commissione Europea che è entrata in carica il 1 ° dicembre 2019, ha lanciato ieri la sua “Comunicazione” ufficiale sul Green Deal. Per opportuna conoscenza si riporta in allegato alla presente tale Comunicazione comprensiva della Roadmap.

Il “Green Deal europeo” comprende molteplici ambiti di intervento, tra i quali la strategia “Farm-to-Fork”, rappresenta l’obiettivo chiave per trasformare il sistema alimentare in un sistema pienamente sostenibile, adatto al futuro basato su pilastri economici, sociali e ambientali.

In questo contesto, la nostra organizzazione europea UECBV ha evidenziato i seguenti principali argomenti su cui lavorare non solo nei prossimi cento giorni, ma nei prossimi anni:

  • Il primo obiettivo della Politica Agricola Comune nel trattato di Roma non deve essere perso di vista: produrre alimenti sicuri, in quantità sufficiente per nutrire l’UE, fornire un reddito equo agli agricoltori e un prezzo accessibile per i consumatori, ma sempre di più sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Il settore zootecnico e della carne dell’UE sta producendo secondo i più alti standard in termini di sicurezza e igiene degli alimenti, benessere degli animali,  sostenibilità, diritti sociali.
  • Il settore contribuisce in modo significativo all’economia dell’UE: ammonta a quasi duecento miliardi di euro e vale quasi la metà dell’attività agricola totale. Oltre alla creazione di lavoro diretto ed all’impatto economico del settore, il prodotto carne offre occupazione nella ristorazione, nel manifatturiero, nella vendita al dettaglio e nella logistica. Il commercio è vitale per il nostro settore; la nostra industria ha utilizzato il commercio per garantire il pieno utilizzo di tutti i prodotti;
  • La produzione di bestiame e carne contribuisce a molti aspetti positivi dell’economia circolare. Questi spesso non sono riconosciuti e se ignorati potrebbero vedere impatti ambientali negativi come una scarsa qualità del suolo. Il sequestro del carbonio, la fertilizzazione sostenibile e naturale dei suoli, la biodiversità, la produzione di biogas e il “riciclo” delle risorse di biomassa, come paglia, erba e crusca per l’alimentazione animale sono tutti esempi di benefici di questo settore per l’ambiente. I vantaggi del settore e i suoi risultati devono essere presi in considerazione nella valutazione della sostenibilità. Ad esempio, nel corso degli anni le emissioni di gas a effetto serra del settore zootecnico dell’UE sono diminuite. A livello di strutture di macellazione, sono stati raggiunti importanti miglioramenti nella riduzione della perdita di carne, nel consumo di energia e di acqua. Il packaging sostenibile è un’altra area focale. Ciò richiede sforzi di ricerca e innovazione che svolgeranno un ruolo chiave e devono essere affrontati come detto per i prossimi passi comuni che il settore desidera condividere con la Commissione per discutere ulteriori iniziative;
  • Il settore zootecnico e delle carni dell’UE svolge un ruolo fondamentale nella gestione delle aree rurali dell’UE. Soprattutto i settori delle carni bovine, delle carni ovine e ovi-caprine contribuiscono a preservare milioni di ettari di pascoli, ed anche ecosistemi prioritari nel quadro della direttiva Habitat;
  • UECBV, in collaborazione con l’Australia e la Nuova Zelanda, ha creato una metodologia armonizzata, completa e basata sulla scienza per calcolare le prestazioni ambientali del settore, denominata Red Meat Footprint Category Rules (Regole di categoria sull’impronta della carne rossa). La metodologia è stata pubblicata a settembre 2019 per supportare l’industria della carne nell’UE al fine di migliorare le sue prestazioni ambientali identificando i punti focali dei processi. UECBV si è impegnata con i suoi membri e partner per migliorare le conoscenze sulla modellistica del ciclo di vita (LCA) del settore delle carni rosse. UECBV fa parte del Technical Advisory Board (TAB) delle norme della categoria DG Impronta ambientale dei prodotti della Commissione europea. Inoltre, UECBV è membro del comitato direttivo del partenariato FAO per la valutazione ambientale e le prestazioni del bestiame, un’iniziativa a livello mondiale che lavora oggi ai test sulle linee guida sostenibili per il bestiame. Pertanto, il settore è pronto a fornire feedback per una modellazione agricola solida e olistica;
  • Il settore zootecnico e delle carni nell’UE costituisce il nucleo di una catena di settori. Ad esempio, la maggior parte delle carni bovine all’interno dell’UE proviene da vacche da latte. Anche il settore zootecnico e della carne fornisce molti componenti a prodotti come quelli farmaceutici, cosmetici, prodotti in pelle, alimenti per animali domestici, biodiesel, porcellana, materiale isolante, ecc.;
  • La carne è profondamente radicata nella nostra cultura e nelle nostre abitudini alimentari e permette una grande socializzazione in quanto svolge un ruolo chiave nel buon mangiare. È un elemento importante in una dieta equilibrata, grazie alla sua elevata presenza di nutrienti. La carne è ricca di proteine ​​che includono tutti e nove gli aminoacidi essenziali richiesti dal nostro fabbisogno. Dal punto di vista dei micronutrienti è ricco di vari tipi di vitamina B, inclusa la B12 e di minerali, come selenio, zinco e ferro che, sotto forma di “Eme” viene assorbito più facilmente;
  • Gli appelli a ridurre il consumo di carne non vengono accompagnati dall’avvertenza che nel fare ciò occorre assumere degli integratori per sostituire i nutrienti presenti solo nella carne. Inoltre, la carne rossa offre benefici dietetici in tutte le fasi della vita di un individuo. La progettazione di un sistema alimentare a livello europeo è molto complessa e deve basarsi su solide basi ed evidenze scientifiche, con dati di riferimento giusti ed equi;

In sintesi, il settore europeo del bestiame e delle carni è ben posizionato per fornire prodotti sostenibili di alto valore per soddisfare le future esigenze della società e dei cittadini all’interno e all’esterno dell’Europa. Tutta la legislazione dell’UE dovrebbe tenere conto dell’obiettivo di sostenibilità, il che dovrebbe significare un profondo cambio di passo rispetto al passato. Come detto, occorrono ulteriori sforzi di ricerca e innovazione che svolgeranno un ruolo chiave e dovranno essere affrontati per i prossimi passi comuni;

La Commissione infine precisa che le consultazioni con i vari Stati Membri partiranno sin dall’inizio del prossimo anno. Il settore zootecnico e della carne è fin da ora disponibile per affrontare insieme le fasi necessarie.

Una considerazione che la scrivente Unione  ha già rappresentato alla Commissione tramite la nostra UECBV, riguarda la necessità che l’Europa fornisca in tempi brevi delle proposte operative da poter valutare nel dettaglio oltre che predisporre un supporto concreto di risorse, strutturate nel tempo e adeguate agli obiettivi che la Commissione intende perseguire. Le opinioni di questo settore devono essere ascoltate in modo equo e occorrerà assicurarsi che tutte le parti interessate siano coinvolte.

Continueremo a seguire questo dossier per fornire di volta in volta nuovi aggiornamenti.