Emanato Bando con modalità presentazione domande per realizzazione impianti fotovoltaici su edifici ad uso agricolo, zootecnico e agroindustriale

Parco Agrisolare

1273
Parco Agrisolare - Emanato Bando con modalità presentazione domande

A seguito del Decreto 19/04/2022 n. 2111444 mediante il quale il Ministero dell’Agricoltura ha fornito le modalità per l’incentivazione alla realizzazione di impianti fotovoltaici da installare su edifici ad uso produttivo agricolo, zootecnico e agroindustriale da finanziare nell’ambito del PNRR (Parco Agrisolare), a seguito del via libera dato dalla Commissione europea, per informare che in data odierna è stato emanato il relativo Bando.

La principale novità introdotta dal Decreto riguarda il concetto di “Autoconsumo condiviso” che viene così definito: “”qualora più aziende agricole, costituite in forma aggregata, realizzino l’investimento per la produzione di energia da impianti fotovoltaici, gli impianti sono ammissibili agli aiuti unicamente se l’obiettivo è quello di soddisfare al più il fabbisogno energetico di tutti i soggetti beneficiari. Le aziende agricole che costituiscono l’aggregato devono ricadere tutte nella medesima Tabella di cui all’allegato A al presente Decreto””.

Di seguito si riporta il dettaglio delle misure del decreto “Interventi per la realizzazione di impianti fotovoltaici da installare su edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale”:

  1. 80% di contributo a fondo perduto per le imprese agricole di produzione primaria su tutto il territorio nazionale nei limiti dell’autoconsumo, con la nuova fattispecie dell'”autoconsumo condiviso”. Dotazione finanziaria pari a circa 693 milioni di euro;
  2. fino all’80% di contributo a fondo perduto e possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato, senza vincolo di autoconsumo, per le imprese di trasformazione di prodotti agricoli. Dotazione finanziaria pari a circa 150 milioni di euro;
  3. 30% di contributo a fondo perduto (con maggiorazioni per piccole e medie imprese e per aree svantaggiate) e possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato, senza vincolo di autoconsumo, per le imprese della trasformazione da agricolo in non agricolo. Dotazione finanziaria pari a circa 75 milioni.
  4. 30% di contributo a fondo perduto (con maggiorazioni per piccole e medie imprese e per aree svantaggiate) e possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato, senza vincolo di autoconsumo, per le imprese agricole di produzione primaria. Dotazione finanziaria pari a circa 75 milioni;

Le aziende della produzione primaria potranno presentare domanda alternativamente nell’ambito dei punti 1 o 4, pena la non ammissibilità.

Il Decreto prevede, inoltre:

  • raddoppio della potenza massima installabile che passa da 500 kw/p a 1.000 kw/p;
  • raddoppio della spesa ammissibile per accumulatori che passa da euro 50.000 ad euro 100.000;
  • raddoppio della spesa ammissibile per dispositivi di ricarica che passa da 15.000 a 30.000;
  • raddoppio della spesa massima ammissibile per beneficiario che passa da euro 1.000.000,00 ad euro 2.330.000,00 incluse le spese accessorie (es. rimozione amianto).

Il 40% degli stanziamenti sopra indicati viene riservato a progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Sardegna e Sicilia.

La misura tende a finanziare progetti che prevedono l’acquisto e la posa in opera di pannelli fotovoltaici sulle coperture di fabbricati strumentali all’attività dei beneficiari. Unitamente a tale attività, possono essere eseguiti uno o più dei seguenti interventi di riqualificazione ai fini del miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture:

  • rimozione e smaltimento dell’amianto (o, se del caso, dell’eternit) dai tetti, in conformità alla normativa nazionale di settore vigente: tale procedura deve essere svolta unicamente da ditte specializzate, iscritte nell’apposito registro;
  • realizzazione dell’isolamento termico dei tetti: la relazione tecnica del professionista abilitato dovrà descrivere e giustificare la scelta del grado di coibentazione previsto in ragione delle specifiche destinazioni produttive del fabbricato, anche al fine di migliorare il benessere animale;
  • realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d’aria): larelazione del professionista dovrà dare conto delle modalità di aereazione previste in ragione della destinazione produttiva del fabbricato; a ogni modo, il sistema di areazione dovrà essere realizzato mediante tetto ventilato e camini di evacuazione dell’aria, anche al fine di migliorare il benessere animale.

Gli interventi ammissibili all’agevolazione, da realizzare sui tetti/coperture di fabbricati strumentali all’attività agricola, zootecnica e agroindustriale, devono prevedere l’installazione di impianti fotovoltaici con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 1000 kWp.

Le domande dovranno essere presentate tramite la Piattaforma informatica predisposta dal Soggetto attuatore GSE, accessibile dall’Area Clienti GSE a partire dalle ore 12:00:00 del giorno 12 settembre 2023 e fino alle ore 12:00:00 del giorno 12 ottobre 2023.  

Su richiesta per gli associati :

  • Il Bando per il “Parco Agrisolare”, unitamente a:
    • Allegato A: Regolamento Operativo del soggetto gestore (GSE)
    • Allegato B: Elenco Codici Ateco ammessi
    • Allegato C: Allegati al Trattato della UE nei quali sono indicati i settori che rientrano nella misura di agevolazione
    • Allegato D: Simulatore analisi controfattualità grandi imprese (Tabella excel)